Cosa ha trovato Gesù nel Giardino di Getsemani?

Cosa ha trovato Gesù nel Giardino di Getsemani?

  • Gesù

La lezione di Gesù è che in momenti di grande tumulto, abbiamo sempre accesso alla strada per la salvezza

La sofferenza di Gesù

Il Giardino di Getsemani è il luogo in cui Gesù andò a pregare prima della tribolazione sulla croce del Calvario. La Bibbia riporta che Gesù era estremamente turbato e sopraffatto dalla sofferenza, al punto da sudare gocce di sangue. Per tre volte, Gesù Cristo pregò perché fosse possibile rimuovere da lui il calice della sofferenza, ma affinché fosse fatta la volontà del Padre.

Il 12° capitolo della Lettera agli Ebrei dice che Gesù “sopportò la croce, disprezzando l’infamia” e che lo fece “per la gioia che gli era posta dinanzi”. Nonostante fosse sotto pressione, grazie alla fede sapeva che avrebbe sperimentato una grande gioia una volta passata la sofferenza. Il Giardino di Getsemani, quindi, ha un significato profondo.

La buona volontà è forza

La forza di Gesù nel farsi Salvatore è di fondamentale importanza. Gesù Cristo era disposto a morire sulla croce per la nostra salvezza e a pagare per i nostri peccati. Secondo 2 Corinzi 5:21, Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo trattò da peccato in nostro favore, perché noi potessimo diventare per mezzo di lui giustizia di Dio“. Questo era il vangelo di Gesù Cristo.

“Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo” (Luca 22:43).

Per due volte Gesù svegliò i suoi discepoli per ricordare loro di pregare così da non cadere in tentazione. Ma questi continuavano a cadere nel sonno e nella tentazione. Ciononostante, Gesù non perse la sua fede e, anche se turbato, continuò a pregare. Poi ottenne da Dio la forza di cui aveva bisogno.

By clicking Subscribe, you agree to our Terms & Conditions and Privacy Policy
Chiudi il menu
×
×

Carrello