Cristianità e resurrezione - The Salvation Garden
Cristianità e resurrezione

Cristianità e resurrezione

La Resurrezione – o promessa della vita oltre la morte – è parte integrante del credo cristiano. Come tale, la morte e la risurrezione di Gesù Cristo costituiscono il principio centrale del cristianesimo. I vangeli del Nuovo Testamento non descrivono solo la risurrezione di Gesù dopo la sua crocifissione, ma si riferiscono anche alla resurrezione dell’umanità, che spesso si ritiene verrà nel Giorno del Giudizio.

Gesù come “primi frutti”

Il termine «primi frutti» è stato parte integrante della cultura cristiana come la santa offerta dei primi frutti del raccolto. La Bibbia utilizza questa terminologia per descrivere il ritorno di Gesù alla vita tre giorni dopo che aveva riposato nella tomba. In Corinzi si afferma che

“Cristo è risorto dai morti, ed è diventato il primogenito di coloro che si sono addormentati [nella morte]” (1 Corinzi 15:20).

Pertanto, i cristiani credono che la risurrezione sia la raccolta di Dio del genere umano, il primo e il più importante dei quali è avvenuto mediante la risurrezione di Cristo.

Resurrezioni successive

La risurrezione di Cristo è solo la prima parte del piano di Dio. In Giovanni, ci viene detto che Gesù disse:

“Sono la risurrezione e la vita. Chiunque crede in me, anche se muore, vivrà “[Giovanni 11: 25-26]

L’accento è sull’intenzione di Dio per la salvezza dell’umanità, che sarà anche una risurrezione poiché «Dio ha amato così il mondo che ha dato il suo unico Figlio, affinché chiunque crede in lui non perirà ma avrà la vita eterna» [Giovanni 3:16]

Tuttavia, la Bibbia suggerisce anche che la risurrezione non indica l’assunzione completa di una vita fisica dopo la morte. Al contrario, i Corinzi spiegano: “È sotterrato un corpo fisico, è risorto un corpo spirituale” (1 Corinzi 15:44).

La risurrezione dell’umanità

Tuttavia, la risurrezione dell’umanità non può avvenire finché non verrà ciò che molti considerano come la seconda venuta di Cristo. Il Giorno del Giudizio,

“Non tutti saremo dormienti, ma saremo tutti cambiati – in un attimo, nell’oscurità di un occhio, all’ultima tromba. Poiché la tromba suonerà, e i morti saranno sollevati incorruttibili e noi saremo cambiati “(1 Corinzi 15: 51-52).

C’è anche un dibattito sul fatto che solo i veri cristiani saranno resuscitati per entrare nel Regno Santo o se saranno risuscitati sia i giusti che gli ingiusti per affrontare il giudizio”.

Chiudi il menu
×

Carrello

Carrello